Books Should Be Free is now
Loyal Books
Free Public Domain Audiobooks & eBook Downloads
Search by: Title, Author or Keyword

Fiore di leggende Cantari antichi I - cantari leggendari   By: (1884-1941)

Book cover

First Page:

SCRITTORI D' ITALIA

FIORE DI LEGGENDE

I

CANTARI LEGGENDARI

FIORE DI LEGGENDE

CANTARI ANTICHI

EDITI E ORDINATI DA

EZIO LEVI

Io prego voi che ciaschedun m'intenda, però che questo è il fior della leggenda.

Regina d'Oriente , c. III, ott I.

SERIE PRIMA

CANTARI LEGGENDARI

BARI

GIUS. LATERZA & FIGLI

TIPOGRAFI EDITORI LIBRAI

1914 PROPRIETÀ LETTERARIA

MAGGIO MCMXIV 38475

Io veggo storie, favole e novelle, nuove ed antiche, tutte stare a schiera dinanzi a me, con lor senbianze belle, piú che non sono i fior di primavera, e gli autori, or di queste, ora di quelle, m'invitan con sí dolce lor matèra ch'io non so quale in prima cominciare o di qual piú vi piaccia udir cantare.

Il cantare dei cantári , St. 4.

I

IL BEL GHERARDINO

CANTARE PRIMO

1

O Gesò Cristo, figliuol di Maria, che pegli peccator pendesti in croce, non seguitare la mia gran follia, sed io inver' di te mai fui feroce: concedi grazia nella mente mia, favoreggiando me colla tua voce, ch'io dica cosa ch'a te non offenda, e questa gente volentier la 'ntenda.

2

Con ciò sia cosa che questo cantare sia dei primi ch'io mai mettessi in rima, però vo' far perfetto incominciare, e ritornare al buon detto di prima, sicch'a costor, che mi stanno a ascoltare, piaccia e diletti dal piede alla cima: però averete ad ascoltar memoria ch'io vi farò d'una romana storia.

3

Nella cittá di Roma anticamente aveva una colonna in Campidoglio, che v'era scritto ogni uom prode e valente, saggio e cortese, come legger soglio; sicché, tornando brieve a convenente, d'un franco cavalier contar vi voglio, che fu figliolo di messer Lione, signor del Patrimonio per ragione.

4

Quando messer Lion venne alla morte, chiamò i suo' tre figliuoli a capo chino, e al maggior, che dovea regger la corte, raccomandò quel ch'era piú fantino, e questo fu che poi fu tanto forte, che si chiamava "lo bel Gherardino": dicendo: Gherardin ti raccomando, passò di questa vita lagrimando.

5

Dopo la morte di questo signore rimason tre fratei co' molto avere, e il piú cortese di lor fu il minore, che sempre corte volle mantenere; e gli fratelli n'avien gran dolore, perché facealo contra al lor volere; e' gli assegnaron parte del tesoro. E' fu contento, e partissi da loro.

6

Se prima tenne corte co' fratelli, poi la tenne maggior sette cotanti, con bracchi e veltri e virtudosi uccelli, palafreni e destrier co' molti fanti, sempre vestendo di molti donzelli, cavalier convitando e mercatanti; sicché per Roma e per ciascun cammino si ragionava del Bel Gherardino.

7

Oltra misura fu tanto cortese, che poco tempo la poté durare, e la sua povertá fu sí palese, che gli sergienti incominciò a cacciare; e, non avendo di che fa' le spese, senza cavallo non sapeva stare. E gli frategli né nissun parente di lui non ne voleano udir niente.

8

Bel Gherardin, che suo vita procura, di doglia e di vergogna si moria; ma pensossi d'andare alla ventura sol per escir di tal malinconia. Ed un donzel, ch'amava oltra misura, chiamò segretamente, e sí dicia: Or vuo' tu venir meco, Marco Bello, ed io ti tratterò come fratello?

9

E Marco Bello neente gli disdisse per la voglia ch'avíe di lui servire; ed al presente gli rispuose e disse: Io vo' con teco vivere e morire. E innanzi che di Roma e' si partisse a creatura nol fece a sentire: 'nsu n'un ronzino, ciascheduno armato, di Roma si partiron di celato... Continue reading book >>




eBook Downloads
ePUB eBook
• iBooks for iPhone and iPad
• Nook
• Sony Reader
Kindle eBook
• Mobi file format for Kindle
Read eBook
• Load eBook in browser
Text File eBook
• Computers
• Windows
• Mac

Review this book



Popular Genres
More Genres
Languages
Paid Books