Books Should Be Free is now
Loyal Books
Free Public Domain Audiobooks & eBook Downloads
Search by: Title, Author or Keyword

Il pastor fido in lingua napolitana   By: (1538-1612)

Book cover

First Page:

IL PASTOR FIDO

In lingua Napolitana.

DI DOMENICO BASILE.

IN NAPOLI Per Egidio Longo. 1628 Con licenza de' Superiori.

Imprimatur

Iacobus Terragnolus Vic. Gen.

Aloysius Riccius Can. deput.

Franciscus de Claro Can. Dep.

A LI QVATTO DE LO MVOLO De Napole.

Me venne capriccio sti mise arreto de componere lo Pastore fido de lo Caualiero Quarino à la lengua nostra Napolitana: E tanto haggio scacamaronato, scassato, postellato, agghiunto, e mancato, che pè gratia de lo segnore Apollo songho arreuato à puorto, e ll'haggio scomputo. Pò penza, repenza, fantastecheia, e torna à penzare à chi lo voleua donare; haggio concruso, che buie ve lo gaudite. Ed a chi meglio se poteua fare sto presiento autro ch'a buie, che site li chiù antiche de Napole, e ve gaudite nà Cetate tanto bella, Nobele, e Ricca, che cò granne ragione se chiamma Regina dell'aute Cetate Mparatrice de le Prouinzie. Napole capo de Regno, Giardino de tutto lo munno, vuocchie deritto de tutta la Talia che puozze sempre auonnare comm'auonnaua la tauola de Cullo Romano. Ruga, Iermano, e chillo che lo chiammano Peccione d'Agnano. Donca à buie sia fatto sto presiento, Raccordannoue, che se nge fosse quarchuno (commo non gne ne mancaranno) che borrà fare de lo bello ngiegno, e deciarrà ch'è buono, ch'è tristo; le potite da parte mia fare à sapere (comme cò la presente facciano) cha chillo, cha fatta stà fatica la fatta pe gusto suio e non s'è piccato maie de poeta, ne ncè, e se ncè fosse manco nge vò essere. Tanto chiù ca le sona no vespone nè la recchia de na noua venuta da Parnaso, che lo segnore Apollo vò, che se fraueca la casa de la gnorantia, e chisse che banno cenzoranno, haueranno da seruire pè parrelle à carreiare prete, e cauce: Auzateue da stò nietto segnure Poete mieie care; e con chesto segnure Quattro zoè vuie che state ncoppa à la fontanaue soschiauo, e se non è lo duono comme meretate; pegliatene lo buono ammore, mpromettennoue aurte compeseziune Napolitanesce piacendo à lo Cielo, e se no sgarro la via de la fontana d'Alecona. Una sola cosa v'allecordo, e me nne farrite nò gran piacere, e à buie sarrà manco fastidio. Quanno senterrite chisse magnifice (cchiù male lengue che Poete) pè farele schiattare, no le date aodientia, ne le respondite, ma facite nfenta de nò l'hauere sentute pe lo fruscio dell'acqua,

Da Napole lo mese de Iennaro.

1628.

DE MATTIO BASILE

O che gusto aggio figlio De sso componemiento Ch'aie fatto a lengua nostra Benedetta la penna co lo nchiostro Che te farranno ardito chiù de iglio, Canta Vasile figlio. Che singhe beneditto a braccia stese Canta cà sulo si, no nc'è cortese.

L'ARRVRE DE LA STAMPA.

Lautore se remette a la beuegnetate de chi legge, sulo ve racorda che a la scena de lo terzo atto, che accommenza ò primma vera bella nce trouarite uno vierzo lungho vole essire dui verzette picciole.

OPERE DA STAMPARE

Lo dottore a lo sproposito. L'ospitale de li pazze. La casa de la ngnorantia. La defenzione de li Poeta Napolitane contro Troiano Boccalino; e Giulio Giulio Cesare Caporale n'anzi ad Apollo.

ATTO PRIMMO

SCENA PRIMMA

Siruio, e Linco.

Sir. Iate vuie, che nzerrasteuo. La spauentosa fera, a dà lo signo Cà volimm'ire à caccia; su scetate Ll'vuocchie, e li core à suono de sto chuorno. Se mai fù pè Porchiano Pastore nnammorato de ssa Dea, Che se sentesse pizzecare mpietto, De fracassare sirue, e mmassarie, Veccone ccà no piezzo. Hoie me pozzo auantare D'hauere sempre appriesso Lupe, e puorce saruateche de spanto, A tantillo de luoco; Che borria fa s'hauessemo chiù largo. Chillo Puorco nmarditto, Spauiento de natura, co le sanne; Chillo crudo, e feroce Quanta case ha scasate Se sape buono pe sti commecine: Roina de campagne, Paura de Befurche. Iate adonca. Non solo ve spedite, Mà ngioriate ancora Co chisso chuorno la Signora Frora. Nui, Linco priesto à onorà li Dieie, Trouammo na via bona, Comme auimmo farnuto iammo à caccia; Ca chi buono accomenza hà miezo fatto, Nò perzò, che lo Cielo nce consenta... Continue reading book >>




eBook Downloads
ePUB eBook
• iBooks for iPhone and iPad
• Nook
• Sony Reader
Read eBook
• Load eBook in browser
Text File eBook
• Computers
• Windows
• Mac

Review this book



Popular Genres
More Genres
Languages
Paid Books