Books Should Be Free is now
Loyal Books
Free Public Domain Audiobooks & eBook Downloads
Search by: Title, Author or Keyword

'O voto Scene popolari napoletane in tre atti   By: (1860-1934)

Book cover

First Page:

SALVATORE DI GIACOMO

TEATRO

'O VOTO A «SAN FRANCISCO» 'O MESE MARIANO ASSUNTA SPINA QUAND L'AMOUR MEURT....

LANCIANO R. CARABBA, EDITORE 1910

PROPRIETÀ LETTERARIA

Le copie non firmate dall'Autore sono dichiarate contraffatte

Questo volume, per le Compagnie Drammatiche e Comiche , deve essere considerato come manoscritto, da non potersi cedere nè rappresentare senza regolare permesso dell'Autore. ( Art. 14 del Testo unico, 17 settembre 1882 ).

'O VOTO

SCENE POPOLARI NAPOLETANE

IN TRE ATTI

In collaborazione con G. Cognetti.

PERSONAGGI

VITO AMANTE tintore ANNETIELLO cocchiere da nolo DON MARCO AULETTA barbiere RAFELE 'o tintore garzone di VITO Il brigadiere delle G. di P. S. AMANTUCCI La guardia BIANCHETTI secondo 'O SI' RABBIELE 'o scarparo DONN'AMALIA moglie d' ANNETIELLO DONNA ROSA madre di VITO CRISTINA 'a capuana NUNZIATA 'a capera ASSUNTA GIOVANNINA SUFIA TERESINA (dieci anni) MARIANNA cieca, mendicante DONNA CUNCETTA Garzoni della tintoria Monelli Guardie Popolani Un maruzzaro

In Napoli, e in una piazzetta di «Pendino». Epoca presente. Dal 1º al 2º atto trascorre un mese.

'O VOTO

DECORAZIONE

Una piccola piazzetta al «Pendino». In fondo, tra due vicoli, la tintoria di Vito Amante. Drappi di ogni colore pendono dagli stipiti e da bastoni di legno sull'architrave. Per terra, davanti alla bottega, a sinistra di chi v'entra, è una tinozza. La bottega è buia; in fondo, un lumicino rosso palpita nella oscurità. Sulla porta due corna di cervo. Sulla bottega un balconcello con tendine bianche. Ai ferri della balaustra è attaccata una cassettina sopra cui è scritto Albergo della rosa . Al 3º atto un lume, che è dentro la cassettina, rischiara la scritta. Il muro giallo del palazzetto sotto al quale è la tintoria è tutto bucherellato da finestre. Il vicolo a sinistra dello spettatore finisce con una scala di pietra, dai larghi gradini. In principio del vicolo è un Cristo su di una base di mattoni coloriti, e ha davanti voti e lanternine. Sopra al Cristo è una cupola. Più in là è una fontanina publica.

A sinistra, sul davanti della scena, un piccolo e sporco palazzetto, dalla porta schiusa, davanti a cui son tre gradini. Sul portoncino una finestra con persiane verdi, di legno a stecche, chiuse.

A destra dello spettatore, pur sul davanti, la bottega di barbiere di don Marco. Sull'insegna è scritto Salone . Sedie e una scranna fuori la bottega. Più in là il banchetto del calzolaio. Poco discosto dalla tintoria un Banco del Lotto .

È un tramonto d'Agosto.

ATTO PRIMO

SCENA PRIMA

Al levarsi della tela è un gran movimento nella piazzetta. Davanti alla bottega di Vito Amante si affolla gente e si pigia per guardarvi. Gran mormorio d'interrogazioni, di risposte, di osservazioni, di apostrofi. Altra gente comincia ad apparire alle finestre. Il balcone sulla tintoria s'apre e una donna s'affaccia, sporgendosi dalla balaustra, guardando in sotto. Annetiello che è pur in mezzo alla folla davanti alla bottega del tintore, se ne allontana lentamente e viene avanti, un mazzo di carte fra mani, e va a sedere davanti alla bottega di don Marco , cavalcioni a una panca. Rafele attinge acqua alla fontanina e riempisce un orciuolo, di tanto in tanto parlando con qualcuna che s'affaccia di sotto alla persiana verde del palazzetto a sinistra dello spettatore... Continue reading book >>




eBook Downloads
ePUB eBook
• iBooks for iPhone and iPad
• Nook
• Sony Reader
Kindle eBook
• Mobi file format for Kindle
Read eBook
• Load eBook in browser
Text File eBook
• Computers
• Windows
• Mac

Review this book



Popular Genres
More Genres
Languages
Paid Books