Books Should Be Free is now
Loyal Books
Free Public Domain Audiobooks & eBook Downloads
Search by: Title, Author or Keyword

Sonetti   By:

Book cover

First Page:

CESARE PASCARELLA

SONETTI

NUOVA RISTAMPA riveduta e corretta dall'Autore

ROMA TORINO CASA EDITRICE NAZIONALE ROUX E VIARENGO 1906

SONO RISERVATI TUTTI I DIRITTI

SONETTI

LI PAJACCI.

Si me ce so' trovata, sor Ghetano? Quanno vennero giù, stavo lì sotto! Faceveno er trapeso americano; Quanno quello più basso e traccagnotto,

Facenno er mulinello, piano piano, Se mésse sur trapeso a bocca sotto, Areggenno er compagno co' le mano. Mentre stamio a guarda', tutt'in un botto

Se rompe er filo de la canoffiena, Punfe!, cascorno giù come du' stracci. Che scena, sor Ghetano mio, che scena!

Li portorno via morti, poveracci! Sur sangue ce buttorno un po' de rena, E poi vennero fora li pajacci.

LA TRAGEDIA.

Fanno ar Quirino 'na tragedia in prosa Che si la vedi, fio, te fa terrore. Er fatto è quasi uguale ar «Trovatore», Ma er fatto proprio, è tutta un'antra cosa.

C'è er prim'omo ch'è l'asso! L'amorosa Quanno che parla te commove er core, E c'è er tiranno che ar terz'atto more, Perché la prima donna nu' lo sposa.

C'è un assarto: uno solo contro sei, C'è l'amoroso che diventa matto, E c'è 'na guerra tra cristiani e ebrei.

Ma c'è la chiusa poi dell'urtim'atto, Quanno che lui s'ammazza e ammazza lei, Che, te dico, m'ha proprio soddisfatto.

ER SERPENTE A SONAJI.

Dove? Lì ar bussolotto a la Stazione? Nun ce volevo annà', ma poi ci agnede. Co' du sòrdi me presi er posto in piede E me méssi a sentì' la spiegazione.

Dice: Signori, faccino attenzione, Che si mai quarchiduno nun ce crede, Er serpente sta drento a quer cassone E mo, signori, je lo faccio vede'.

E dopo d'avé' fatto un po' de scene, Lo cavò fora da li su' bagaji..... Sia che me s'aggricciassero le vene,

O sia che a me la vista me sbarbaji, Er serpente lo veddi proprio bene, Ma non potetti vede' li sonaji.

N'USANZA NOVA.

Diceva Nino, che er padrone ha detto Che c'è un'usanza nova uscita fora, Che sarebbe de scrive' a 'na signora Sur ventajo de lei quarche versetto.

Per esempio: Ci avete un ber visetto E chi ve guarda a voi se n'innamora! Oppure dice: Voi siete l'aurora! Come per dire un atto di rispetto.

E dice, che diceva er mi padrone, Che si er versetto nun valesse gnente Vale la firma sotto a l'iscrizione.

Sarà! Ma pe vedé' proprio si vale, Io si avessi da fa' firmà' sta gente Me farebbe un ventajo de cambiale.

ER FAUSTO.

C'è un vecchio che diventa un giovenotto, Che se venne la vita a Farfarello, Che je dà la sorella d'un fratello, Che lui ce casca innamorato cotto.

'Na festa, se lo porta a beve' un gotto For de Porta, (c'è sotto er macchiavello!) Piffe e paffe, se sbatteno ar duello, E er fratello, se sa, ce va de sotto.

Der rimanente a me me fece spece, Perchè, qualora lui l'aveva offeso, Nun doveva fa' mai quello che fece.

Io, ner caso de quelli che cantaveno, Invece der duello, avressi inteso! Li cazzotti, percristo, furminaveno.

ER LOMBETTO.

Appena che s'accòrse che la gente Se n'era accòrta, butta la spilletta; E, come un razzo, pîa giù pe' Ripetta E daje a fugge' com'un accidente.

La gente appresso. Lui come che gnente Pîa pe' la Scrofa, va a piazza Fiammetta, Passa li Coronari, la Vorpetta, San Tomasso in Parione... Finarmente,

Quanno che stiede lì a l'Agonizzanti, Agnede pe' svortà'; ma sfasciò un vetro E cascò, sarv'ognuno, a faccia avanti.

Lì le guardie je córsero de dietro, L'acchiapporno, je messero li guanti E lo portorno dritto in domo pietro ... Continue reading book >>




eBook Downloads
ePUB eBook
• iBooks for iPhone and iPad
• Nook
• Sony Reader
Kindle eBook
• Mobi file format for Kindle
Read eBook
• Load eBook in browser
Text File eBook
• Computers
• Windows
• Mac

Review this book



Popular Genres
More Genres
Languages
Paid Books